Adam Baruch, la Polonia a tempo di jazz

Adam Baruch PoloniCult

Parlare con Adam Baruch equivale a consultare una brillante enciclopedia vivente della musica jazz internazionale. Non a caso il suo sito personale, The Soundtrack of My Life, ospita quasi 6000 recensioni di dischi perlopiù jazz e di rock progressivo con un’ampia sezione dedicata anche alle incisioni di artisti italiani quali Banco del Mutuo Soccorso, Giorgio Gaslini, PFM ed Enrico Rava. «Grazie al mio lavoro, ho la possibilità di ascoltare quasi ogni disco di jazz pubblicato nel mondo» assicura e c’è da credergli visto una carriera di tutto rispetto e lunga mezzo secolo nel settore.

Continua a leggere

11 Condivisioni

Jacek Kochan in concerto nella “Città della Mole”.

Jacek Kochan

Con lo Jacek Kochan trio, le stelle del jazz polacco a Torino per Slavika. di Claudia Vicini.   Torino si tinge di Jazz, e non solo! Stavolta a raccontarcelo “a suon di bacchette” è Jacek Kochan (Cracovia, 18 dicembre del 1955), batterista, compositore e arrangiatore polacco, in un’occasione del tutto…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Gli anni Trenta per la musica polacca.

L’Europa tutta, e non solo la Polonia, negli anni Trenta doveva somigliare molto all’ultimo atto del famoso dramma Wesele (Le nozze) di Wyspiański dove una danza surreale e macabra, abitata da uomini, fantasmi e simboli continua mentre fuori il mondo incombe, persino minaccioso. Allo stesso modo il mondo reale dove, mentre i governi silenziosamente si armavano,  cresceva la passione per il tennis, si ballava il Charleston e in Polonia impazzava la moda dei locali di cabaret per gentiluomini dell’alta borghesia dove ci si dedicava al calembour letterario e fiorivano orchestrine

Continua a leggere

0 Condivisioni

Karolina Cicha, accordi e voci senza confini

di Salvatore Greco Nel panorama musicale polacco c’è un’artista quasi indefinibile che passa con disinvoltura dalle sonorità rock alla vocalità gipsy, dalle melodie klezmer al canto in polacco, in yiddish, persino in tataro ed esperanto. Questa musicista che non conosce confini vocali e di stile è una donna di 35…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Klezmer, il suono polacco della tradizione ebraica.

di Salvatore Greco Viaggio nel mondo della musica klezmer tra identità ebraica, tradizione e modernità. Violini, fisarmoniche, violoncelli e clarinetti si rincorrono lungo indaffarati virtuosismi, poi rallentano fino quasi a fermarsi, le note si distendono su di un letto di malinconia e poi ancora riprendono furiose a rincorrersi o a…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Il jazz in Polonia, storie di musica, żal e libertà.

Dal bebop al żal. Come il jazz in Polonia è diventato la voce della libertà. di Claudia Vicini Pensare al jazz in chiave polacca potrebbe sembrare inusuale all’orecchio di molti esperti del settore. D’altronde, tutti ben sanno che il jazz è un vanto tutto americano, è il sangue che scorre…

Continua a leggere

0 Condivisioni

La stella di Anna Maria Jopek

AMJ ovvero quando cantare in polacco non costituisce un limite ma un vantaggio. Esistono varie accezioni per definire il significato di stella nel campo artistico, una delle più comuni è l’essere conosciuti, possibilmente a livello internazionale, mettendo al servizio delle mode imperanti parte del proprio talento artistico raggiungendo così il…

Continua a leggere

0 Condivisioni