Wszyscy jesteśmy dziwni – Reportage polacco a Coney Island

Wszyscy jesteśmy dziwni

Coney Island è la scheggia impazzita del pianeta America, l’isola eccentrica che si ribella alla narrazione dominante dell’american dream e che rivendica a sé il diritto a fallire, ad andare fuori rotta e a vivere in pace anche fuori dalla bulimia di successo e dal darwinismo sociale su cui buona parte della retorica a stelle e strisce si è fondata in poco più di due secoli di storia. Coney Island è un esperimento vivente, una sacca di resistenza eccentrica che non riguarda solo New York né i soli Stati Uniti, ma dalle sue storie di persone qualunque può raccontare qualcosa di più profondo e rivolto al mondo intero. Pane da reportage polacco, insomma, e non a caso Dowody na istnienie ha pubblicato da pochi mesi un bel libro dedicato proprio a Coney Island dalla giovane Katarzyna Sulej dal meraviglioso titolo di Wszyscy jesteśmy dziwni (Siamo tutti strani).

Continua a leggere

Nessuno pensa da solo

Lev Vygotskij PoloniCult

Vygotskij ebbe assieme l’onore e l’onere di vivere pressoché interamente uno dei periodi più complessi della storia russa e mondiale. Nato nel 1896 in una cittadina delle propaggini bielorusse dell’impero zarista, si trasferì presto a Mosca per i suoi studi di giurisprudenza conclusi nel 1917, data dalla cui evidenza simbolica è impossibile sfuggire. Gli anni successivi lo videro scalare numerose posizioni negli ambienti che contavano della psicologia e della pedagogia approfittando anche di un mondo -quello della nuova Russia socialista- ancora in assestamento geopolitico e alla ricerca di una sua identità definita. Fino al 1934, anno della sua morte per tubercolosi, il mondo non era pressoché per nulla a conoscenza di quanto Vygotskij aveva teorizzato, studiato e dibattuto in 17 anni di intensa attività e non lo sarebbe stato ancora per diverso tempo, dal momento che la rete a maglie strette del realismo socialista promossa dal ministro stalinista Zdanov non avrebbe in nessun modo potuto comprendere la psicologia nella cornice del sapere proletario.

Continua a leggere

Tra poesia e fotografia: istantanee di parole – su K. Dąbrowska

Dąbrowska

Con La faccia del mio vicino (Valigie rosse, 2017) arriva al lettore italiano la voce di Krystyna Dąbrowska, giovane leva della poesia polacca. – di Mara Giacalone – “Ad alcuni piace la poesia Ad alcuni – cioè non a tutti. E neppure alla maggioranza, ma alla minoranza”. [W. Szymborska, La…

Continua a leggere

Pani Furia – una storia di rabbia post-coloniale

Pani Furia PoloniCult

Una storia ambientata tra il Belgio e il Congo, tra gli eredi del grande regno leopoldino e quelli della sua più grande e insanguinata colonia africana. La storia di una donna ferita, abbandonata e perennemente straniera anche nel Paese in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita. Pani Furia è questo ma per noi di PoloniCult è un’opera dal respiro globale della varsaviana Grażyna Plebanek che ha pubblicato il romanzo con l’editore Znak nel 2016.

Continua a leggere

Un oceano tra di noi. Anna Frajlich e la poetica del ritorno

Un oceano tra di noi Frajlich PoloniCult

La poesia polacca del Novecento, con le sue continuazioni nel nostro secolo, conosce una fortuna tra le trame della letteratura mondiale che a volte ancora sorprende oltre che inorgoglire. […]La luce che questi grandi maestri hanno contribuito a gettare sulla poesia polacca, tuttavia, spesso la trattengono su sé stessi e pochi bagliori riescono a farsi strada all’ombra di queste figure imponenti. […] Per questo e altri motivi è un piacere accogliere sulle pagine di PoloniCult un esempio prezioso di questi bagliori da “sottobosco”, l’antologia di versi Un oceano tra di noi della poetessa Anna Frajlich, uscita nel 2018 per il giovanissimo editore campano La Parlesia nella traduzione di Marcin Wyrembelski.

Continua a leggere

Toruń, viaggio a nord tra leggende e biscotti

Toruń

Toruń è una città che sembra uscita da un libro per bambini, da una fiaba, da una leggenda medioevale e che vive di vita propria, indipendente da tutto e da tutti. È come se si autoalimentasse traendo linfa dall’aurea di mistero storico che si percepisce percorrendo le sue vie e viette acciottolate. È una città non troppo grande situata nel voivodato della Cuiavia-Pomerania, non lontana da Bygdoszcz. Se siete amanti dei grandi spazi, delle metropoli e di quell’aria snob che si respira in città come Varsavia o Milano, allora non è il posto che fa per voi. Se invece siete nostalgici amanti delle storie e della Storia, non vi resta che mettervi in viaggio e lasciarvi conquistare da questo piccolo gioiello in cui il tempo sembra essersi arrestato e che vi farà fare un salto all’indietro di molti, molti anni.

Continua a leggere

Gillo Dorfles: il giocoliere nel bazar

Gillo Dorfles PoloniCult

Dorfles nasce a Trieste, e questo lo rende immediatamente uomo della Mitteleuropa almeno tanto quanto italiano. Si ricordi, del resto, quanto della città giuliana scriveva Guido Piovene in Viaggio in Italia: “per quanto sembri un paradosso, l’italianità di Trieste si difende anche mantenendole il suo carattere di metropoli borghese cosmopolita, per la cultura, il costume e l’economia”. In altri termini, di Trieste tanto più si esalta e si sviluppa il carattere italiano quanto più le si riconosce uno statuto di città speciale, di luogo di frontiera e più ancora di confluenza, di equilibrio lungamente costruito nel corso dei secoli fra tre mondi tanto diversi tra loro: il mediterraneo, il tedesco, lo slavo.

Continua a leggere

The other Praga

Praga PoloniCult

Those who visit Warsaw for the first time may not know it, but the Polish capital used to be two distinct towns, just like Budapest. Whereas the districts on the western bank of river Vistula include the UNESCO protected old town of Stare Miasto as well as the most important landmarks of the civil, political and religious power plus the magnificent Łazienki Park, along the eastern bank there’s Praga. Yes, written precisely that way. No relation with the Czech capital of Prague, though. Historical sources mention the settlement of Praga for the first time in the 15th century, but only in 1791 the town becomes a district of Warsaw. Formerly a suburb inhabited by many Jewish people, formerly a workers district, formerly (or still) an area with a bad reputation, today is hard to stick a label to this part of Warsaw. Theoretically speaking 21st century Praga is a huge area whose western border is the Vistula river and whose northern and southern limit are two bridges: Toruński and Siekierkowski. However, the actual Praga is much smaller and divided in two districts: Praga Połnoc (North) and Praga Południe (South) encompassed by two other bridges: Gdański  and Łazienkowski. Of course, this being Warsaw, there are further subdivisions such as Stara (Old) and Nowa (New) Praga, Saska Kępa and Szmulowizna, but let’s not split hairs now.

Continua a leggere

Płynące wieżowce – di amore e omosessualità in Polonia

Płynące wieżowce

Quando uscì nel 2013, quest’opera di Tomasz Wasilewski fece parlare molto di sé. Si trattava del “primo film polacco dedicato a tematiche LGBT”, o almeno così si andava ripetendo un po’ dappertutto sulla stampa. La pellicola (ancora inedita in Italia, distribuita all’estero con il titolo di Floating Skyscrapers) racconta la storia di Kuba (Mateusz Banasiuk), giovane nuotatore che sta mettendo anima e corpo nella preparazione di una gara. La sua è una vita tranquilla, scandita dalla routine che si è costruito con Sylwia (Marta Nieradkiewicz), la sua ragazza, profondamente innamorata di lui, e con la madre (Katarzyna Herman). A turbare la serenità di Kuba sarà l’incontro con Michał (Bartosz Gelner), per il quale il protagonista inizia a provare, ricambiato, un’attrazione a cui solo verso la fine del film egli riuscirà a dare il nome di “amore”.

Continua a leggere