T.Love, attraverso trent’anni di rock polacco

La ricca fucina della musica polacca degli anni ’80, passata perlopiù dalla meravigliosa stagione di Jarocin, non ha prodotto solo i potenti e oscuri frutti della cold-wave ma anche band in grado di rappresentare diversamente quella stagione, in maniera più semplice anche se altrettanto sincera, e di evolversi con il proprio pubblico e la scena musicale. Uno di questi oggi è un gruppo quasi di culto, conosciuti da tutte le generazioni, i T.Love.

Continua a leggere

0 Condivisioni

Bokka, l’estro artistico dietro lo specchio

Quando pensiamo a un gruppo “misterioso” la mente va facilmente ai Daft Punk, i geniali artisti francesi che hanno raggiunto qualsiasi angolo del mercato discografico senza mai mostrare i propri volti. Lo stesso fanno i polacchi (?) Bokka, ma in questo caso non solo nessuno li ha mai visti in faccia, ma nessuno ha proprio idea di chi siano

Continua a leggere

0 Condivisioni

Gli anni Trenta per la musica polacca.

L’Europa tutta, e non solo la Polonia, negli anni Trenta doveva somigliare molto all’ultimo atto del famoso dramma Wesele (Le nozze) di Wyspiański dove una danza surreale e macabra, abitata da uomini, fantasmi e simboli continua mentre fuori il mondo incombe, persino minaccioso. Allo stesso modo il mondo reale dove, mentre i governi silenziosamente si armavano,  cresceva la passione per il tennis, si ballava il Charleston e in Polonia impazzava la moda dei locali di cabaret per gentiluomini dell’alta borghesia dove ci si dedicava al calembour letterario e fiorivano orchestrine

Continua a leggere

0 Condivisioni

Viaggio nella scena pop indipendente polacca

pop indipendente

Nel mondo di chi scrive canzoni per passione e voglia di esprimersi, internet ha senza dubbio avuto il merito di aiutare a costruire e allargare i circuiti underground che sono tali non per snobismo o pretese esoteriche ma perché difficilmente c’è spazio per tutti nel mercato mainstream e senza questi circuiti tanti bravi musicisti farebbero i ragionieri. Partendo da internet e dalle voci plausibili sentite qua e là PoloniCult vi porta alla scoperta della scena pop indipendente polacca.

Continua a leggere

0 Condivisioni

The Kurws, tra talento e sperimentazione.

Solo sette giorni fa avevamo portato nella musica di PoloniCult le liriche e tenebrose atmosfere di Jacaszek, oggi continuiamo il viaggio tra i suoni sperimentali in un’altra direzione, andando a spulciare note nel mondo di dissonanze meticolosamente studiate e improvvisazioni folli su basi precise e quasi matematiche che contraddistingue la caratura creativa dei Kurws.

Continua a leggere

0 Condivisioni

Jacaszek. Il suono onirico dell’assoluto.

Breve profilo di Michał Jacaszek, compositore e produttore polacco, tra i volti più interessanti della scena ambient e modern classical. di Salvatore Greco Abbiamo affrontato molti argomenti musicali in questa rubrica, dalla classica al folk, dal rock alla new wave passando per il jazz, oggi sulle pagine di PoloniCult andiamo…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Karolina Cicha, accordi e voci senza confini

di Salvatore Greco Nel panorama musicale polacco c’è un’artista quasi indefinibile che passa con disinvoltura dalle sonorità rock alla vocalità gipsy, dalle melodie klezmer al canto in polacco, in yiddish, persino in tataro ed esperanto. Questa musicista che non conosce confini vocali e di stile è una donna di 35…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Klezmer, il suono polacco della tradizione ebraica.

di Salvatore Greco Viaggio nel mondo della musica klezmer tra identità ebraica, tradizione e modernità. Violini, fisarmoniche, violoncelli e clarinetti si rincorrono lungo indaffarati virtuosismi, poi rallentano fino quasi a fermarsi, le note si distendono su di un letto di malinconia e poi ancora riprendono furiose a rincorrersi o a…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Il jazz in Polonia, storie di musica, żal e libertà.

Dal bebop al żal. Come il jazz in Polonia è diventato la voce della libertà. di Claudia Vicini Pensare al jazz in chiave polacca potrebbe sembrare inusuale all’orecchio di molti esperti del settore. D’altronde, tutti ben sanno che il jazz è un vanto tutto americano, è il sangue che scorre…

Continua a leggere

0 Condivisioni

La stella di Anna Maria Jopek

AMJ ovvero quando cantare in polacco non costituisce un limite ma un vantaggio. Esistono varie accezioni per definire il significato di stella nel campo artistico, una delle più comuni è l’essere conosciuti, possibilmente a livello internazionale, mettendo al servizio delle mode imperanti parte del proprio talento artistico raggiungendo così il…

Continua a leggere

0 Condivisioni