Ida, ovvero dell’identità.

Il capolavoro di Paweł Pawlikowski sulla scoperta di sé in un contesto complesso e drammatico. di Francesco Cabras Uscito nel 2013, Ida di Paweł Pawlikowski è stato letteralmente coperto di premi: il Lux Prize conferito dal Parlamento Europeo; Miglior film agli European Film Awards, competizione che lo ha visto trionfare…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Wisława Szymborska. La vita a volte è sopportabile

La vita a volte è sopportabile, parola di Wisława Szymborska. di Salvatore Greco Si dice spesso che sia difficile raccontare i grandi scrittori, farli parlare al di fuori dalle loro opere o dagli eventi che ne descrivono l’esistenza. Tuttavia la settima arte in questo è uno strumento potentissimo, quello che…

Continua a leggere

2 Condivisioni

Róża, tra amore e identità. Un capolavoro di Smarzowski.

di Elettra Sofia Mauri Il racconto di un amore sullo sfondo di un’amara pagina di storia polacca Torniamo a parlare di Smarzowski, che questa volta con Róża affronta una pagina della storia della Polonia forse troppo poco conosciuta. Con un realismo autentico, a tratti spietato come solo la realtà della…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Giuseppe w Warszawie

Prove tecniche di neorealismo oltrecortina “Giuseppe w Warszawie”, titolo traducibile semplicemente come Giuseppe a Varsavia, vede il nome più italiano di tutti proiettato per caso a Varsavia e forse non l’abbiamo inventato noi il mito dell’italiano soldato buono, infatti prima di pellicole come “Mediterraneo”, premiata con l’Oscar, e de “Il…

Continua a leggere

0 Condivisioni

Rejs: solcando le acque del socialismo (sur)reale.

A bordo della nave da crociera che racconta, ridendo, amarezze e assurdità di una Polonia che fu. Si dice che per capire davvero un popolo bisogna comprenderne l’umorismo. Ridere assieme, in fondo, è una delle cose più intime che esista e cogliere istintivamente i simboli comici di una cultura che…

Continua a leggere

0 Condivisioni