Cianfrusaglie del passato dalla vita di Szymborska

Cianfrusaglie del passato

“Cianfrusaglie del passato” è la biografia di Wisława Szymborska uscita per Adelphi questo marzo. Una sbirciata tra ricordi e souvenir dell’iconica poetessa polacca.

di Elettra Sofia Mauri
 

Wisława Szymborska è un nome ormai famigliare per PoloniCult, ne abbiamo già parlato presentando la sua inconfondibile poetica e in occasione dell’uscita di un documentario a lei dedicato. Torniamo ad occuparcene oggi, per parlare della nuova biografia appena uscita in Italia per Adelphi  dal titolo “Cianfrusaglie del passato. La vita di Wisława Szymborska“.

Cianfrusaglie del passato 4 PoloniCultSicuramente quello della Szymborska è uno dei nomi più accessibili ai lettori italiani che si addentrano in una libreria affamati di letteratura polacca, grazie alle numerose raccolte di poesie tradotte in italiano. Se è così semplice conoscere la Szymborska “poetessa”, tuttavia non è altrettanto facile addentrarsi alla scoperta della Szymborska “persona”. Proprio in uno dei nostri ultimi articoli, Adriano Natale ha posto la stessa questione rispetto a un altro grande rappresentante della cultura (questa volta cinematografica) polacca.
La curiosità è insolubilmente insita nella natura dell’uomo, risulta naturale quindi voler sapere di più sulla vita personale di un artista. Nel nostro caso, la Szymborska ha reso piuttosto difficile il lavoro ai suoi biografi, a causa della sua riservatezza e della sua personale politica. Riteneva infatti, e lo ha ribadito in più occasioni, che parlare di sè comportasse un “impoverimento interiore“. Questo non ha impedito a Anna Bikont e Joanna Szczęsna, le autrici del libro, di intraprendere e portare avanti negli anni un lavoro paziente e meticoloso di ricerca. Sono tante le voci interpellate e i luoghi visitati per definire meglio la figura personale della Szymborska: amici, parenti, colleghi lettere, archivi, musei fino ai dialoghi con la diretta interessata. Ma scoprire il mondo della scrittrice significa anche potersi avvicinare alla sua concezione di arte e scrittura, vedere come nascevano le sue poesie e da dove traeva ispirazione.

Scrivere significa strappare una particella di realtà… A volte mi pare che la ‘gioia di scrivere’ consista semplicemente nel trovare, o anche solo nel cercare, la parola di cui ho bisogno in quel momento, che qualche volta non esiste nemmeno e va inventata”.

Anche in questo caso, la Szymborska non si è smentita, rendendo difficile il compito di ricerca dell’origine delle sue poesie: infatti a parte qualche rara eccezione, le circostanze e la data di composizione delle sue poesie non sono rintracciabili.

Come si può notare, nelle mie poesie non solo mancano le date […], ma non ci sono neppure dediche, anche se alcune forse le avrebbero richiesta. Questo perché vorrei che ogni mia poesia fosse recepita dal lettore come scritta per lui. La poesia appartiene a te che la leggi, ed è appunto a te che la dedico”.

Questa biografia è anche un’occasione per esplorare il lato più curioso ed eccentrico della poetessa. Era ed è tutt’ora noto il suo gusto kitsch e la sua smodata passione per strambi gingilli, soprammobili, ammennicoli e souvenir, tanto che il suo piccolo appartamento ne era pieno. Oltre a collezionare oggettistica stravagante e foto ricordo di lei di fronte al cartello stradale dei luoghi visitati, la Szymborska aveva un hobby piuttosto particolare, in cui si è dimostrata una vera artista del genere: i collage. La poetessa amava armarsi di forbici e colla, per creare cartoline spiritose e ironiche, pienamente nel suo stile, per amici e colleghi. La sua arte continua ad essere apprezzata, nel reparto cartoleria di Empik (nota catena di librerie e oggettistica polacca) è possibile trovare in vendita deliziosi quadernetti rilegati in cartone, con immagini dei collage più divertenti della Szymborska in copertina.

Cianfrusaglie del passato 2 PoloniCult

Le fotografie del quotidiano spesso la ritraggono con uno sguardo divertito e un sorriso quasi canzonatorio, in fondo “Cianfrusaglie del passato. La vita di Wisława Szymborska” ci porta all’approdo più naturale per un personaggio come Wisława Szymborska, ovvero più vicino possibile all’espressione irriverente della poetessa.

Acquista Cianfrusaglie del passato su Amazon.

Iscriviti alla newsletter di PoloniCult

Iscriviti per ricevere in anteprima le novità di PoloniCult, la raccolta dei nostri migliori articoli e contenuti speciali.

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Non ti invieremo mai spam, rispetteremo la tua privacy e potrai recedere in ogni momento.

5 Condivisioni